Ed eccola qui la mia seconda proposta per il contest “Le strade della mozzarella” avrei voluto scrivere questo post, con molta tranquillità, invece mi ritrovo a scriverlo in un periodo un po’ triste per la mancanza della nonna che ci ha appena lasciati… E’ il normale ciclo della vita, si direbbe a mente fredda, ma il cuore non ragiona in sintonia con il cervello e colmare un vuoto di una persona a cui hai voluto bene e che ti ha visto crescere giorno dopo giorno è difficile e forse per me causa la distanza, è ancora più difficile crederci e accettare… Scriverò quindi poche righe su questa ricetta e perché secondo me interpreta #unviaggioessenziale, ho raccolto in questo piatto ingredienti che fanno parte di me, ingredienti con la quale sono cresciuta e conosco fino in fondo, ingredienti che a mio modesto parere, esprimono gusto, salute e digeribilità, ingredienti anche “poveri” come il mascuotto di pane, racchiusi in una presentazione un po’ moderna, usando ancora una volta le pentole di rame per la cottura. L’idea di portare ai tempi moderni sapori un po’ dimenticati è per me, un obbiettivo che cerco di riportare spesso nella mia cucina, anche in quella quotidiana, avvicinare le persone, magari a quelle più giovani a ingredienti poveri e un po’ dimenticati è come raccontare la storia, chi siamo e da dove veniamo…

 #unviaggioessenziale Nonna che dedico esclusivamente a te, so che avresti trovato la presentazione “na cosa curiosa” ma gli ingredienti ti sarebbero piaciuti tutti e il solo fatto che l’avrebbe fatto una delle tue nipotine lo avresti trovato buono come nessun altro, ti voglio bene e mi mancherai, ci mancherai!!!

INGREDIENTI PER 4 PERSONE:

24 paccheri di Gragnano (Pastificio dei campi)

8 cuori di carciofi di Paestum

200 g di ricotta di bufala

1 vasetto di “Pomo d’oro giallo a pacchetelle”  L’orto di Lucullo

4 bocconcini di bufala Dop

30 g di nocciole tostate di Giffoni

40 g di pane a “mascuotto” (pane biscottato)

alcune foglie di prezzemolo

2 spicchi d’aglio

sale e olio q.b.

+

olio per friggere

2 cucchiai di farina

PREPARAZIONE:

Tagliate a fettine sottili i cuori di carciofi e metteteli in acqua e limone per evitare che anneriscano.

In un tegame, riscaldate lo spicchio d’aglio, aggiungete i carciofi (tenendone da parte alcuni da friggerli) scolati dall’acqua e lasciate cuocere lentamente fino a quando non saranno teneri.

Intanto che i carciofi cuociono, in un’altra padella riscaldate l’altro spicchio d’aglio, aggiungete i pomodorini gialli, aggiustate di sale e lasciate cuocere per 5 minuti.

Una volta che i pomodori sono pronti, passateli al setaccio lasciandone 12 interi da aggiungere al piatto.

Se la crema ottenuta dovesse risultare troppo liquida lasciatela addensare per qualche minuto sul fuoco.

In un mortaio unite le nocciole e il pane a mascuotto, pestate grossolanamente e tenete da parte.

Quando anche i carciofi saranno cotti passeteli nel mixer fino ad ottenere una crema liscia, eventualmente aggiungete un filo d’olio evo, aggiustate di sale e pepe dopodiché unite la crema alla ricotta ed amalgamate bene i due ingredienti.

Una volta pronta, riempite una sac a poche in modo che sia tutto pronto per impiattare.

Cuocete i paccheri in abbondante acqua salata, a fiamma moderata per evitare che la pasta si spacchi.

Intanto che la pasta cuoce, asciugate i carciofi tenuti da parte, infarinateli e friggeteli in olio caldo, scolate su carta assorbente e salate.

Tagliate anche i bocconcini a cubetti e tenete da parte.

Prima di scolare la pasta, disponete nel centro dei piatti un po’ di crema di pomodori, scolate i paccheri, mettetene sei per ogni piatto in posizione verticale adagiandoli sulla crema di pomodorini, riempite la pasta con la mousse di carciofi, adagiate sui paccheri la mozzarella tagliata a cubetti, un po’ di croccante di nocciole e mascuotto, adagiate sul fianco dei paccheri i pomodorini tenuti da parte, i carciofi fritti e le foglie di prezzemolo fresco irrorate con un filo d’olio evo fresco e qualche goccio di altra crema di pomodori, in modo da insaporire anche la pasta e servite subito.

Consiglio di impiattare il tutto sotto una lampada ad infrarossi riscaldante per alimenti per evitare che il piatto si raffreddi. Sul web ci sono soluzioni casalinghe a prezzi modici ;-)

Con questa ricetta partecipo al contest:

Tag:, , , , , , , ,


One Response to “Paccheri ai carciofi, pomodorini e mozzarella di bufala con briciole di mascuotto e nocciole”

  1.   Claudia Says:

    Ammazza che proposta chic!! Buono.. ma bellissimo da vedere.. Ti faccio gli auguri per un bellisimo inizio anno.. smackkkk