Quella di oggi è una ricetta che mi ricorda molto la mia infanzia.. E’ una ricetta tipica del Cilento e di solito si prepara a Natale, ma mia mamma era solito preparare quando avevamo voglia di qualcosa di dolce nei lunghi pomeriggi invernali, erano il dolce dell’ultimo minuto, perchè il tempo per prepararli era davvero poco e in più gli ingredienti i quali servivano a casa non mancavano mai, così quando avevamo un certo languorino bastava poco “Mà perchè non facciamo due scauratielli” e sul fornello c’era già la pentola per l’acqua, il nostro ruolo era prendere la farina, il miele e il marmo per impastare, mentre noi facevamo queste cose lei era già li che friggeva :D Ora è vero Natale è passato solo da un mese, ma sono dei fritti e di fritti in questo periodo non ne mancano e io vi do un’idea se cercate qualcosa che sia buona, facile, veloce e anche economica!

Diccoltà Facile

Tempi di preparazione 40 Minuti

500 g di farina “00”

500 ml di acqua

1 bicchierino di vino bianco secco

1 pizzico di sale

una noce di burro

scorza di limone e arancio

+

200 g di miele per la copertura

zuccherini colorati (facoltativi)

PREPARAZIONE:

Mettete sul fuoco una pentola capiente, versate l’acqua aggiungete le scorzette tagliate a coltello senza la parte bianca, il pizzico di sale, e la noce di burro, poi portate a ebollizione. Aggiungete nell’acqua il vino bianco attendete qualche istante e versateci la farina “d’un colpo”  ben setacciata spostando la pentola dal fuoco e avendo cura di girare con un mestolo di legno fino a quando l’impasto non risulterà compatto e si staccherà dalle pareti della pentola.

A questo punto, portate l’impasto così ottenuto su una spianatoia ben oliata, meglio se di marmo o acciaio

ed impastate fino a quando non otterrete un impasto liscio, facendo attenzione perché la pasta è bollente

Procedete quindi a formare dei torciglioni dello spessore di un dito e lunghi circa 15 cm e chiudete come se fossero delle zeppole a forma di “e”  oppure un’altra forma classica sono dei simil fiocchetti

calateli man mano in una padella con dell’olio bollente, facendoli dorare da entrambi i lati, una volta tolti, adagiate su dei fogli di carta assorbente.

Adagiate su un vassoio gli scauratielli a più strati e ricoprite con il miele leggermente disciolto sul fuoco con un cucchiaio di acqua e qualche scorzetta di arancio. Decorate con i zuccherini colorati.

Tag:, , , ,


4 Commenti to “Scauratielli”

  1.   Claudia Says:

    Non conosco questi dolcetti.. ma si presentano così bene.. e poi tutti così colorati son dolcetti anche carnevaleschi no?? baci e buon lunedì:-D

  2.   Milen@ Says:

    Si preparano anche da noi nel periodo natalizio e non solo: si chiamano “crispeddi” e la forma è un tantino diversa: un trucchetto per non scottarsi quando si lavora la pasta, è di ungersi i palmi delle mani con l’olio :)
    Io li adoro :)

  3.   damiana Says:

    Cara Donatella,questi dolcetti anche per me sono un ricordo dell’ infanzia!Era la nonna a farli sempre e negli ultimi anni ero io a rifarli per lei,mi viene un pò di malinconia…Quindi li conosco benissimo,sono di una facilità estrema e danno un risultato troppo goloso,grazie tesoro per avermeli riproposti e per avermi ricordato che da troppo non li preparo!Un bacione amica mia,ti auguro una giornata bellissima!

  4.   Anonimo Says:

    mmmm….bbuoni mme sano, io me le mmagno sempe !!!!!