Quando mi trovo a parlare con qualcuno del mio Essiccatore, la prima cosa che mi chiedono è “che ci fai i funghi?” Ma mica si fanno solo i funghi con un essiccatore, e allora gli racconto delle mille cose, come per esempio il dado, il purè, i pomodorini, le meringhe, le fette biscottate ecc.. La risposta?  ”Ma dai non ci avevo mai pensato…” Certo in tempi di funghi, non essiccarli è davvero un peccato! Un pò di tempo fa però dopo averne essiccato una generosa quantità ho pensato che avrei potuto farci dell’altro.. L’essiccatore in mio possesso ha un programma di essiccazione anche per la pasta, potevo secondo voi perdermi l’occasione di preparare della pasta già profumata ai funghi? No non potevo perchè questa pasta mi salva parecchi pranzi, basta una noce di burro e una foglia di salvia per portare in tavola un piatto davvero delizioso! Nella ricetta non ho usato 1 uovo per ogni 100g di farina per non rendere troppo “pesante” la pasta.

In tanti mi avete scritto dove poter trovare l’essiccatore, vi invito a visitare il sito www.tauroessiccatori.com  dove è possibile trovare il rivenditore più vicino o meglio ancora è possibile acquistare direttamente dal sito grazie allo shop online!

INGREDIENTI:

20 g di funghi secchi

400 g di farina per pasta fresca (Ho usato Molini Rosignoli)

200 ml di acqua (circa)

1 uovo

PROCEDIMENTO:

Una volta essiccati i funghi lasciateli a temperatura ambiente per un’oretta, dopodiché frullateli in un frullatore alla massima velocità, fino ad ottenere una polvere finissima, tipo farina.

In una ciotola (o anche una planetaria) unite, farina, la polvere di funghi, l’uovo e l’acqua, l’acqua vi consiglio di non unirla tutta, nel caso l’impasto dovesse risultare troppo asciutto di aggiungerne la rimanente fino ad ottenere un panetto sodo ma elastico.

Una volta preparato il panetto lasciatelo riposare sotto un canovaccio per una decina di minuti.

Riprendete l’impasto e stendetelo con un matterello o con ma sfogliatrice in una sfoglia di circa mezzo cm.

Passate la sfoglia attraverso i rulli per le tagliatelle

formate dei piccoli nidi con la pasta, adagiateli sui cestini dell’essiccatore e avviate il programma pasta fresca.

Una volta che la pasta sarà completamente essiccata, lasciatela a temperatura ambiente per qualche ora, dopodichè conservatela dentro a dei vasetti ermetici o nella scatola di latta e conservate al fresco e al riparo dall’umidità.

Tag:,


12 Commenti to “Tagliatelle profumate”

  1.   monica Says:

    Ecco queste devo farle anche io!!! ma come mai dici di lasciare qualche ora le tagliatelle a temperatura ambiente? non riprendono umidita’?
    Come sempre sei bravissima!!! sei il mio guru dell’essicatore!!!

  2.   arabafelice Says:

    Non ho l’essiccatore ma ho i funghi secchi, grazie della bella idea!

  3.   dianna Says:

    Senza parole! Sei veramente molto brava, una vera artistita! Complimenti!
    Cercherò di prendere qualche spunto dalle tue ricette!
    ciao
    Dianna

  4.   Donatella Says:

    Grazie mille a tutte, ormai l’essiccatore è diventato parte essenziale nella mia cucina, le cose che riesco a conservare sono davvero infinite…

    @Monica
    Lascio sempre un pò a temperatura ambiente, perchè l’essiccatore può raggiungere anche i 60° (dipende dal programma) e ho paura che chiudendo un prodotto che è ancora “caldo” si possa creare all’interno della condensa, per scongiurare ciò porto così ogni volta i prodotti a temperatura ambiente e poi conservo… e ti assicuro che non riprendono umidità!

    Donatella

  5.   Federica Says:

    Geniale la sfoglia di pasta ai funghi. Queste tagliatelle devono essere deliziose e accompagnate da un sughetto a base di funghi e/o zucca…fameeeeeeeeeeeee! Un bacione, buona giornata

  6.   Benedetta Marchi Says:

    sono stupende!!da copiare…posso? ;)
    un bacio cara!

  7.   Ely Says:

    Grande Donatella!!!!! Io domani vorrei fare la pastina, mi attira un sacco, queste tagliatelle sono una favola! Baciii

  8.   Stefania O Says:

    Le foto invitano all’assaggio, ops, alla prova essiccatore! ;)

  9.   Fabiana Says:

    Le tagliatelle hanno un aspetto meraviglioso… e cosa dire della foto??? è semplicemente meravigliosa.. un bacio

  10.   Francesca Says:

    le tagliatelle con i porcini sono buonissime, anche il colore mi attira, bella idea seccarle e conservarle, sempre pronte! :-D

  11.   vera Says:

    Ho una domanda tecnica: a che temperatura hai essicato le tagliatelle e per quanto tempo. Bellissimo blog e bellissma ricetta. Tornerò spesso a farti visita. Per ora grazie!

  12.   Donatella Says:

    @ Vera
    Ciao Vera, grazie per la tua visita… Allora le tagliatelle le ho essiccate con il programma già preimpostato “Pasta” considera che il programma ha una temperatura di 60° e dura 15 ore, io però di tanto in tanto controllavo il grado di essiccazzione, e credo di averle tolte un pochino prima, credo che il tempo di essiccazione sia stato intorno alle 15 ore. I tempi possono cambiare per tanti motivi, uno di questi è sicuramente lo spessore, quindi più la pasta è “spessa” più ci impiegherà ad essiccare. Per questo consiglio sempre anche con i programmi preimpostati di controllare i tempi di essiccazione!
    Se hai delle altre domande chiedi pure!

    Donatella