Quest’anno durante il periodo di vacanze siamo stati in Calabria,avevo previsto di fare scorte di ‘nduja e invece siamo ripartiti ed io me ne sono dimenticata,per fortuna degli amici hanno provveduto… Questo salume tipico Calabrese composto da carne di maiale,grasso e tanto peperoncino credo sia il fiore all’occhiello di questa regione,nonostante siano 26 anni che vado da questi amici Calabresi è la prima volta che ho provato la ‘nduja l’ho trovata davvero ottima,per il mio palato (diventato forse insensibile al piccante) non l’ho trovata molto piccante,ma c’è chi sostiene di averne assaggiate di veramente molto piccanti… Per i miei gusti credo che si adatti in molte ricette,soprattutto con i primi,ma è molto buona anche spalmata sul pane e da provare anche su delle bruschette calde. In questa ricetta l’ho abbinata alla pasta fresca fatta in casa e i fagioli di Controne,altro prodotto tipico della nostra bella Italia,certo non sarà un piatto leggerino… ma visto le temperature possiamo ancora approfittare di qualche caloria in più,tanto il cappotto per un altro mese lo teniamo ancora addosso,possiamo nascondere…
INGREDIENTI PER 2 PERSONE CHE HANNO MOLTA FAME…
PER LA PASTA:
250 GR DI FARINA “00″
125 GR DI ACQUA
UN PIZZICO DI SALE
PER IL CONDIMENTO:
100 GR DI FAGIOLI DI CONTRONE GIA COTTI
MEZZA CAROTA
MEZZA CIPOLLA O UN CIPOLLOTTO FRESCO
UNA COSTA PICCOLA DI SEDANO
UNA FETTA BELLA SPESSA DI ‘NDUJA
SALE OLIO
PREPARAZIONE:
Preparate l’impasto per i cavati con la farina l’acqua e il pizzico di sale,lavorando molto,fate dei torciglioni che taglierete della lunghezza di circa  2,5 cm e date forma alla pasta con il classico cavato,o gnocchi.Cercando di usare il meno possibile di farina sul tagliere altrimenti i cavati diventano troppo collosi in cottura.
In una padella capiente,fate soffriggere il trito di cipolla,sedano e carota,con un filo d’olio.
Aggiungete i fagioli con un pò della loro acqua di cottura e lasciate cuocere a fiamma bassa per qualche minuto.
Quando i fagioli saranno pronti aggiungete un pizzico di sale e la ‘nduja,lasciate sciogliere completamente la ‘nduja e spegnete il fuoco.
Cuocete i cavati in abbondante acqua salata,scolate,senza asciugare del tutto la loro acqua e fate saltare nella padella con i fagioli e la ‘nduja.
Servite subito,volendo aggiungere a piacere un pò di pecorino grattugiato e del pepe al mulinello.
Tag:


7 Commenti to “Cavati con ‘nduja e fagioli di Controne”

  1.   terry Says:

    una pasta caliente ma saportissima…bel mix coi fagioli!

    grande!

  2.   albix Says:

    Anche se non ho ben chiari il procedimento e certi ingredienti, intuisco che deve trattarsi di un piatto molto gustoso. Sarà che si avvcina l’ora di cena ma mi è venuta una certa acquolina….albix

  3.   Antonella Says:

    Io amo da impazzire la ‘nduja….di solito prendo quella in barattolo, così è più facile farne scorta ;) Il tuo piatto mi fa venire l’acquolina nonostante l’ora tarda ;) )Bacioni e buona domenica

  4.   shade. Says:

    che accoppiata! adooooro!!! devo assolutamente scoprire dove la posso comprare qui nella glaciale Bologna (nevica nevica nevica!): questo piatto sarebbe perfetto per questa nevosa domenica!

  5.   nightfairy Says:

    Mi piacciono questi piatti coccolosi, buonissima questa pasta!

  6.   Claudiahtt Says:

    Wowww.. che bontà devono essere!!!! Non conosco quel salame.. ma ne ho sentito parlare qualche settimana fa da una mia amica che cercava qualche modo per utilizzarlo oltre che spalmarselo sul pane!! Ora gliela consiglio!!!! Buon inizio settimana!!! .-) smack!!!

  7.   rossairlandese Says:

    CHE BRAVA CHE SEI! bUONA L’ACCOPPIATA,SONO DA MANGIARE CON GLI OCCHI,COMPLIMENTI