Il mio primo approccio con questo cioccolato non è stato “amore al primo assaggio” ma tutt’altro…. poi piano piano ho scoperto le qualità di questo cioccolato,vi riporto qui un pò della sua storia:

[Alcune fonti riportano che durante la dominazione degli spagnoli in Sicilia nel XVI secolo tale lavorazione fu introdotta nella Contea di Modica, a quel tempo il più importante stato feudale del sud Italia, dotato di autonomia amministrativa. Gli spagnoli, a loro volta, l'avrebbero mutuata dagli Aztechi. Attualmente non esistono più tracce di questo tipo di lavorazione nè in Spagna nè in America, mentre solo L. Sciascia ricorda come tale lavorazione rimanesse ai suoi tempi anche nella città di Alicante, precisando anche che esistessero originariamente le sole due versioni con le aggiunte di vaniglia e cannella. Storicamente si è tramandato come un dolce tipico delle famiglie nobili che durante le feste e le occasioni importanti lo preparavano in casa. In questo modo si è tramandato fino ai giorni nostri e solo successivamente è diventato un prodotto dolciario di fama internazionale.] Tratto da Wikipedia

Mentre il gelato è frutto di un’altro esperimento,ancora dal pacco di Sicilianissmo era rimasta dell’altra pasta di nocciole e mi hanno detto:perchè non farci un gelato? Bene e che gelato sia!!! Non avendo in casa la gelatiera ho cercato in giro come poter avere un gelato buono ma senza gelatiera,ma in tutti i miei libri il procedimento era un pò seccante,stare li ogni tanto a fare manualmente quello che avrebbe fatto la gelatiera,girare in continuazione,ma il tempo a mia disposizione non me lo permetteva e allora ho pensato e se montassi la panna? Tutte le ricette che avevo visionato mi dicevano di usare la panna liquida,ma testarda ho fatto a modo mio….

Ricordo che sia il cioccolato e sia la pasta di nocciole è in vendita su Sicilianissimo,il banner in alto trasferisce direttamente all’offerta in corso!

INGREDIENTI:

250 gr di panna fresca,250 gr di latte intero fresco,2 tuorli,50 gr di zucchero,un cucchiaio di pasta di nocciole,cioccolato di Modica.

PREPARAZIONE:

Mettete a raffreddare una ciotola di acciaio vuota nel freezer.

Sbattete a lungo i tuorli con lo zucchero unite il latte tiepido poco alla volta e cuocete la crema a bagnomaria (se volete accorciare i tempi di parecchio potete cuocere direttamente nella pentola facendo attenzione che non attacchi)

a fine cottura aggiungete la pasta di nocciole continuando a mescolare,lasciate raffreddare

montate leggermente la panna,deve risultare ancora liquida,unitela alla crema e mescolate

versate nella ciotola che avrete messo nel freezer e lasciate ghiacciare bene il gelato prima di servire.

A questo punto ho assaggiato la crema ed è stato un grande sacrificio non mangiarla tutta! Sono sicura che la prossima volta finirà per farcire una torta…

Il risultato è un gelato senza bisogno di mantecare prima di servire.Ma soprattutto veloce facile e tutto naturale!!!

Accompagnate il gelato con scaglie di cioccolato di Modica.

Tag:


4 Commenti to “Gelato alla nocciola con scaglie di Modica”

  1.   lenny Says:

    Preparo spesso il gelato senza gelatiera e dalla mia esperienza posso dire che per ottenere una buona cremosità occorre una proporzione 1:1 di panna e latte. Dopo aver preparato il gelato secondo la ricetta ripongo il composto in freezer e successivamente prelevo due o tre volte (o anche solo una volta) per frullare e rompere i cristalli di ghiaccio ed il risultato è accettabile.

    Anch’io non ho amato il cioccolato di Modica al primo assaggio, ma quest’anno è stato amore :) )

    In estate (e non solo) vivrei solo di gelati!!!

  2.   shade Says:

    meraviglia questo gelato e da brava sicula sono convintissima che ha fatto la differenza! e brava anche per essere riuscita a fare un gelato cosi’ buono e bello senza la gelatiera!

  3.   Francesca Says:

    Anch’io adoro il gelato…questo tuo ha un aspetto sbavossimo!

    Complimento, hai colpito ancora.

  4.   fabiola Says:

    sembra buono questo gelato,solo ke al gusto di nocciola nn mi piace tanto.me ne prepari un altro?baci