INGREDIENTI PER 4 PIADINE:250 gr di farina,30 gr di strutto,un cucchiaio d’olio,un pizzico di bicarbonato,latte intero tiepido q.b per rendere l’impasto morbido (circa mezzo bicchiere) sale,per farcire  ho usato stracchino e rucola.

 

 

PREPARAZIONE:fate un impasto morbido con tutti gli ingredienti fate 4 palline e fate riposare per almeno mezz’ora sotto un panno umido

 

 

stendete la pasta con il matterello in una sfoglia molto sottile,punzecchiate con una forchetta

 

 

fate cuocere le piadine pochi minuti sul testo bollente o se non avete l’attrezzo usate una padella antiaderente gia calda,appena cotte adagiate su un panno umido in modo che non si secchino,accompagnate la piadine caldissime con salumi e formaggi a piacere io ho servito con stracchino e rucola

 

 

 

il risultato non è quello della piadina che ci mangiamo in romagna ma è buona ugualmente

 

 

Tag:


7 Commenti to “PIADINA”

  1.   kiki Says:

    mmmm me ne addenterei volentieri un pezzo di quella piadina stracchino e rucola.

  2.   Barbara Says:

    Complimenti per le piadine e per il tuo blog: davvero bello e piacevole!!

  3.   ilcucchiaiodoro Says:

    Grazie per i complimenti Barbara!!
    Per Kiki si potesse spedire via email l’avresti mangiata anche tu!

  4.   ivy phoenix Says:

    salvata!

    sai, io sono nata a trieste ma da parte di padre ho sangue romagnolo e ci tenevo ad averla…

  5.   tempe Says:

    Complimenti, stracchino e rucola sono il mio ripieno preferito, appena ho un pò di tempo la voglio provare questa piadina.

  6.   ilcucchiaiodoro Says:

    Se provate la ricetta fatemi sapere se vi è piaciuta!!! grazie a tutte per le visite!

  7.   ARon Says:

    Ciao Donatella,volevo fare un paio di considerazioni su la piadina.Gli ingredienti per fare una buona piadina, sono quelli da te utilizzati. Chi conosce veramente la mia regione,sa sicuramente che spostandosi da Rimini a Cesena e pure Ravenna trovi un prodotto con delle differenze di altezza e consistenza,non è solo una questione da mano a mano, c’è piuttosto dietro una questione filosofico territoriale.La mai risolta diattriba tra Rimini e Cesena sulla paternità, adducendo testimonianze riportate in testi sacri di antica cucina del territorio, depositati in polverose scansie di bibblioteche comunali.Non esiste una sola piadina.Torniamo alla ricetta terra terra.Impasti troppo morbidi (sbolzano troppo) non danno buoni risultati,meglio tenersi con una consistenza un tantino più sostenuta della tua che verrà comunque bilanciata dai 30 Min. di riposo.Sulla altezza è una questione di gusto,in campagna 60 anni fà si usava farla un po piu alta di come si gusta ora e con farine non raffinate. Nel Ravennate di solito è più alta e pesante.Nel Riminese è più sottile con bolze e la conservano al caldo sotto un canavaccio per mantenerla morbida fino al momento del consumo. Ogni piatto rappresenta il territorio e ancora di più la gente che vi abita.Spero che sia passato il mio messaggio.